La storia del magnetismo

La storia del magnetismo

I magneti sono stati scoperti indipendentemente dalle antiche culture in Cina, Egitto e Grecia.

 

Hanno scoperto che la magnetite (la pietra magnetica di ferro) attraeva il ferro e puntava sempre in direzione nord-sud quando ruotava liberamente. La prima menzione del magnetismo si trova nel “Libro dell’Imperatore Giallo sulla Medicina Interna”, che risaleal 2000 a.C.

Fino al 1200 a.C., le proprietà della magnetite sono state utilizzate in Cina e in Europa in una vasta gamma di modi nella navigazione, costruzione e guarigione.

Il poeta greco Omero si riferiva alla magnetite nelle sue opere intorno al IX secolo aC.

I medici greci Ippocrate (460-377 a.C.) e Aristotele (384-322 a.C.) descrissero i benefici della magnetite nei loro scritti e Cleopatra (69-30 a.C.) si dice che abbia indossato una magnetite sulla fronteperché credeva che le sue proprietà funzionassero contro l’invecchiamento.

Galen (130-200 d.C.), il medico greco che ha cementizzato il lavoro di coloro che rappresentavano le fondamenta della medicina moderna, si riferisce nelle sue opere al magnetismo.

Il medico persiano Ali Abbas (930-994 d.C.) descrive l’uso dei magneti nel suo “Royal Book” – una pubblicazione che doveva essere utilizzata dai medici per i successivi 100 anni.

Alla fine del XIII secolo, lo scienziato francese Petrus Peregrinus de Maricourt (1220-1270) registrò il campo magnetico di una pietra magnetica di ferro con l’aiuto di una bussola e riportò sulle sue scoperte nell'”Epistola de Magnete”(Lettere sul magnetismo).

Il medico e alchimista svizzero Paracelso (1493-1543) promosse l’uso dei magneti in tutta Europa.

Lo scienziato inglese William Gilbert (1544-1603) era il medico di corte della regina Elisabetta I e scrisse sei volumi dal titolo “De Magnete” (About the Magnet). Nel suo lavoro, Gilbert fece la sorprendente affermazione che la Terra è un gigantesco magnete sferico con pali nord e sud.

In questa sezione di storia, sono state scoperte nuove terre significative e molte battaglie sono state vinte in mare. Non è quindi un caso che gli scienziati siano rimasti molto storditi nel XVII secolo quando hanno notato che la direzione dell’ago della bussola stava lentamente cambiando per decenni.

Edmund Halley (1656-1742), un astronomo inglese famoso per la sua teoria sulle orbite delle comete, sospettava che la Terra fosse costituita da strati, ognuno dei quali è indipendentemente magnetizzato e ruota lentamente in congiunzione con le altre.

Il fisico austriaco Franz Mesmer (1734-1815) affermò che“tutti i corpi sono magneti in grado di comunicare questo principio magnetico”. Le sue teorie hanno reso popolare l’uso dei magneti nella medicina terapeutica del XVIII secolo.

Nel 1795, il medico americano Elisha Perkins ricevette un brevetto statunitense per un apparato magnetico, che aveva sviluppato per l’uso in esseri umani e cavalli.

Il fisico danese Hans Christian Oersted (1777-1851) fu il primo a scoprire nel 1820 che l’elettricità e il magnetismo sono imparentati. Oersted confermò le teorie di Gilbert sull’argomento e pose le basi per gli sviluppi più complessi sull’elettromagnetismo dello scienziato francese André Marie Ampere (1775-1836).

Il fisico inglese Michael Faraday (1791-1867) fu il primo a iniziare a interpretare le teorie di Oersted e Ampere e utilizzò le sue conoscenze per costruire il primo motore elettrico. Questo ha portato a una varietà di invenzioni che hanno cambiato il mondo moderno, dalle centrali idroelettriche alle lavatrici modeste.

Le Il ricercatore tedesco Alexander von Humboldt (1769-1859) – che è nominato come uno dei fondatori della geografia moderna – ha battuto il suo collega tedesco e uno dei più grandi matematici del suo tempo, Johann Carl Friedrich Gauss (1777-1855) all’incirca nello stesso periodo per usare il suo talento per risolvere gli enigmi del magnetismo. Fino a quel momento, era stata misurata solo la direzione della forza magnetica. Gauss ha trovato un metodo che gli ha permesso di misurare la forza magnetica usando un altro magnete che ha usato.

Nel 1886, il medico americano C.J. Thacher pubblicizzava una gamma di indumenti magnetici nel suo catalogo. Più o meno nello stesso periodo, l’americano Robert Bartholow fece alcune interessanti osservazioni sui magneti posizionati direttamente sulla pelle,e li notò nel suo libro “Medical Electricity”.

Nel 1929, il geofisico giapponese Motonori Matuyama (1884-1958) fece un’importante scoperta quando esaminò le tracce del campo magnetico terrestre nella roccia vulcanica. Ha concluso che il campo magnetico terrestre deve aver invertito la sua polarità diverse volte negli ultimi due milioni di anni.

Nel 1976, il medico giapponese Kyoichi Nakagawa, sulla base della sua ricerca sulle conseguenze della vita moderna, ha sviluppato una teoria che ha chiamato “sindrome da carenza di campo magnetico”.

Nel corso del XX secolo, sono stati sviluppati magneti nuovi e più forti, tra cui magneti metallici di terre rare negli anni ’70 e ’80. Questi nuovi magneti sono importanti per la tecnologia e i settori industriali e suscitano un nuovo interesse per l’uso dei magneti nei settori del comfort e del supporto.

Nel 1997, il Dr. Carlos Vallbona ha condotto uno studio sui magneti presso il Baylor Institute of Rehabilitation Research, noto come Baylor Study.

Nel 2003, Nikken ha lanciato palmMag™, un prodotto rivoluzionario che utilizza un nuovo tipo di tecnologia magnetica chiamata rotazione magnetica a due assi.

Questo è seguito da molti ulteriori progressi nello sviluppo della tecnologia magnetica a NIKKEN e la sua conversione in prodotti per l’uso quotidiano.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]